Italia
 

Dal blog di Helen – Come valutare l’apprendimento nei bambini dai 5 anni in su

1

Valutare l’apprendimento a partire dai 5 anni può sembrare facile, perché solitamente a questa età vengono introdotti i test di comprensione e produzione, orale e scritta.

In realtà la filosofia del metodo Helen Doron English si basa un principio trasversale a tutte le età: fidarsi sempre del bambino. Quest’ultimo capisce quando viene messo alla prova e il messaggio che ne deriva è “Non mi fido delle tue capacità”, o “Non sono sicuro che tu possa farcela”. Per questo la verifica deve sempre restare un momento piacevole e divertente, per non stressare il bambino. Se l’apprendimento è vissuto positivamente e l’insegnante crede nelle capacità di ogni studente, allora si sviluppa quell’autostima necessaria per affrontare un test.

L’insegnante Helen Doron English Amal Abboud aggiunge: “Il nostro metodo non si basa sulla valutazione, ma sulla fiducia riposta nel bambino. Quando un genitore chiede al proprio figlio il significato di una parola in inglese, spesso quest’ultimo si trova in difficoltà, ma quando gli viene mostrata un’immagine dello stesso oggetto ecco che è in grado di rispondere in inglese, senza sforzo. Se i genitori vogliono sostenere l’apprendimento del proprio figlio possono giocare con lui, sfogliando il libro, o ascoltando insieme le storie e le canzoni del cd.”

Apprendimento a spirale

I nostri programmi per l’insegnamento dell’inglese si basano sull’apprendimento a spirale, ovvero l’insegnante introduce un nuovo argomento, spiegandolo brevemente, poi va avanti e nelle lezioni successive  rivede lo stesso argomento attraverso attività diverse. L’idea è che in ogni sessione lo studente espanda le proprie competenze e la propria comprensione basandosi su quanto precedentemente consolidato. Diversamente nelle lezioni tradizionali gli studenti imparano in modo sequenziale, cioè prima di passare ad un altro argomento devono avere finito quello precedente. Ogni argomento è in qualche modo ‘a sé stante’ e non viene rivisto come nell’apprendimento a spirale.

Questo tipo di apprendimento è presente in ogni programma Helen Doron English, dai 3 mesi ai 19 anni, con il vantaggio che se un bambino perde una lezione o due perché malato o in quel momento è semplicemente distratto, imparerà comunque il vocabolario in questione, perché l’insegnante ritorna sull’argomento varie volte in modi diversi. L’apprendimento a spirale viene completato dall’ascolto a casa, in quanto la ripetizione delle tracce audio assicura la memorizzazione dei materiali di studio.

Le valutazioni

A partire dai 5 anni i test dovrebbero essere tenuti regolarmente e dovrebbero rispondere a due domande:

– Il materiale del corso è appropriato per gli studenti?

– L’insegnante sta spiegando i materiali nel modo giusto?

Da questo punto di vista è anche l’insegnante ad essere valutato, non solo il bambino. Il test è quindi un momento importante per l’insegnante perché rinforza e migliora le sue capacità didattiche.

I tradizionali test di inglese a scuola valutano la lettura e la scrittura, mentre la metodologia Helen Doron insegna e valuta innanzitutto il parlato. In una classe con 25/30 alunni è più semplice insegnare e valutare come uno studente legge e scrive; a dire il vero è praticamente impossibile dare al parlato l’attenzione necessaria. Tuttavia se pensiamo a come impariamo la nostra lingua madre, l’ascolto e quindi il parlato vengono per primi, mentre la lettura e la scrittura arrivano solo in un secondo momento. Il metodo Helen Doron riflette proprio questa successione nell’insegnamento, è per questo che si tratta di un ‘metodo madrelingua.’

Apprendimento globale

I migliori programmi di insegnamento dell’inglese hanno un approccio olistico verso il linguaggio e prendono in considerazione la personalità del bambino nel suo complesso.

In questo contesto il bambino impara partecipando a delle attività, non semplicemente rispondendo a delle consegne per poi sapere se quello che ha fatto è giusto o sbagliato.

.Non è questo il fine dell’educare; ogni insegnamento, compreso quello dell’inglese, dovrebbe preparare essere una preparazione per la vita. Con questo intendiamo non soltanto la  conoscenza accademica, ma anche lo sviluppo di altre competenze come la socializzazione, l’autostima e la fiducia in se stessi. Quegli studenti che hanno buone capacità di socializzazione e una forte autostima avranno successo nella vita e, naturalmente, sapranno parlare inglese. capaci di parlare in inglese.

Per leggere l’articolo completo: http://www.helendoron.com/blog/is-my-child-learning-enough-english-part-3