Il Mio Bambino Sta Apprendendo Abbastanza l’Inglese? Parte 2

1961 Views

Tempo di lettura: 15 minuti

HDE_HMW_Radio-Facebook-cover_MAR15 (4)

Helen Doron Radio visita Italia, San Marino e Portogallo per promuovere l’iniziativa “Hello My World!” per salvare gli orangutan e i loro habitat nella foresta pluviale. Richard Freedman, personaggio televisivo e radiofonico, viaggerà in Italia, San Marino e Portogallo, visitando i Centri di Apprendimento Helen Doron per trasmettere con i giovani ascoltatori sull’iniziativa “Hello My World!” sulla popolare emittente radio internazionale.

I Centri di Apprendimento Helen Doron English in Italia, San Marino e Portogallo ospiteranno trasmissioni radio in diretta, intervisteranno giovani in inglese e discuteranno di ciò che stanno facendo per contribuire alla campagna “Hello My World!”, un’iniziativa globale che si concentra sul salvataggio dell’orangutan, una delle creature più intelligenti del mondo animale. Studenti di tutte le età sono invitati a sostenere la protezione, la conservazione e la comprensione degli orangutan e del loro habitat naturale, la foresta pluviale. L’inglese è essenziale per la campagna. La fondatrice e CEO Helen Doron spiega: “Incoraggiando i bambini a imparare l’inglese forniamo loro uno strumento che consente loro di comunicare tra di loro e di stabilire nuovi rapporti. Questa lingua condivisa ha un enorme valore poiché unisce la nostra voce e insieme possiamo diffondere consapevolezza sulla situazione critica degli orangutan.”

Il tour radio inizia il 14 maggio a Roma, Italia, e si conclude a Lisbona, Portogallo, il 31 maggio, dove entrambi i paesi stanno celebrando 10 anni di Helen Doron English e sono attivamente coinvolti in “Hello My World!” Helen Doron Portogallo ha adottato un orangutan di nome Mary ospitato nello Zoo di Lisbona e domenica 31 maggio, 4000 studenti di Helen Doron provenienti da tutto il Portogallo si riuniranno allo zoo per un evento festoso e una visita guidata. Richard Freedman sarà presente per registrare l’evento e trasmetterlo successivamente su Helen Doron Radio.

Richard trasmetterà con i giovani nei loro Centri di Apprendimento Helen Doron secondo il seguente calendario: 15 maggio – Firenze, Italia; 16 maggio – Arezzo, Italia; 18 maggio – Napoli, Italia; 19 maggio – Barletta, Italia; 20 maggio – San Marino; 21 maggio – Modena, Italia; 22 maggio – Bergamo, Italia; 28-30 maggio – Lisbona, Portogallo.

Freedman ha commentato: “Sono entusiasta di poter incontrare molti degli studenti che lavorano duramente per promuovere la campagna ‘Hello My World!’ per salvare gli orangutan dall’estinzione. Questa sarà la terza tappa del roadshow di Helen Doron Radio e continueremo a pianificare ulteriori tappe in tutto il mondo, poiché questi tour ci offrono l’opportunità di incontrare molti dei nostri giovani ascoltatori e dar loro voce alla radio.” Prosegue: “I nostri ragazzi stanno sensibilizzando le loro famiglie e amici sulla situazione di questi animali e stanno diffondendo consapevolezza in tutto il mondo. Sono orgoglioso di dire che la radio è uno strumento importante utilizzato per diffondere il messaggio su una causa così importante.”

Oltre alle discussioni sulle cause a cui questa fascia d’età è appassionata: grande musica, storie in evidenza, quiz, concorsi, notizie rilevanti per i ragazzi e interviste speciali su vari argomenti tengono i ragazzi sintonizzati su Helen Doron Radio, che raggiunge ascoltatori da oltre 100 paesi in tutto il mondo. La maggior parte di loro ascolta la stazione radio educativa sui loro smartphone tramite l’app, ora disponibile su Android e iPhone.

Helen Doron English offre i programmi didattici più completi del settore, programmi che consentono ai bambini dai neonati all’adolescenza di diventare competenti e a loro agio nel parlare, leggere e scrivere l’inglese. Gli studenti di Helen Doron Teen English sono preparati per gli esami del Quadro comune di riferimento europeo in un ambiente di apprendimento divertente e naturale che è unico per Helen Doron.

L’articolo Helen Doron Radio Promuove “Hello My World!” è apparso prima su Helen Doron Group.

User
Traduci in italiano mantenendo i tag:

Helen_BLOG3

We are pleased to bring you a series of blog posts and an opportunity to learn from educator and linguistic scientist, Helen Doron. Helen has been teaching English to children for 30 years. She is the founder and CEO of the Helen Doron Educational Group and created a unique methodology for teaching English, maths, fitness, and infant development with original and revolutionary learning materials.

This week’s question is second in a three-part series and addresses the needs for children ages 2-4: How can parents lay a foundation for early language learning and how can they evaluate what their young child (up to the age of 6) is learning in an English institute?

Helen answers:

This is an interesting question because not all parents speak English but will want to know that their child is indeed learning. Because ages 0-6 covers such a wide spectrum of capabilities, we will look at several developmental groupings. The prior blog discussed how parents of children ages 0-2 can lay the foundation for early learning, find early English programmes and assess what their child is learning. In this blog, we will discuss how parents of children ages 2-4 can determine what their child is learning.

Nurturing the foundation for learning

Parents of young children ages 2-4 that decide to enrol their child in English classes understand that starting learning another language is optimal during the early years. These parents also understand how important a strong command of the English language is for their children’s future. For the pre-schooler, there are very few English language learning options but when researching programmes in English specifically for the toddler and pre-schoolers, these courses must teach using an effective and consistent methodology. Teachers, caregivers and parents play a pivotal role in a child’s learning experiences and it is through these relationships that children gain the confidence and the security they need to learn. As with babies, ages 0-2, learning experiences for the toddler/pre-schoolers ages 2-4 are the foundation for growth and development and what they learn during those years depends on the experiences they have each and every day. A successful course for children this age continues to depend upon emotional connections that help give them the confidence that they need to learn.

Mother-tongue language learning

Thirty years’ experience teaching and developing English programmes for infants, children and teens has confirmed that the best way to teach English is as a mother-tongue language. For young learners ages 2-4 years old, they are often learning English at the same time that they are learning their mother tongue. The most effective teaching method is to teach English the same way that they learn their mother-tongue. Children learn to understand and speak before they learn to read and write; this is how language naturally develops. This is not how children are taught in school. Schools teach and evaluate student progress in reading and writing; speaking often comes afterwards. This is due to class size and teachers do not have the time to teach classes of 15, 25 or even 30 students to speak. This method of teaching reading and writing before or even with speaking has not shown to be as effective a format for learning a language. Spoken language practice, basic and functional vocabulary with lots of repetition, positive reinforcement and through fun and games are the key to learning language.

Learning Styles

One of the tools that an early learning English programme should provide is monthly or quarterly updates from the teacher with what the child has learned and what they will be learning. The learning materials I have developed for this age group provide the child with home learning materials. These home learning materials are an extremely important part of teaching English in a natural way—the way children learn their mother-tongue. In this way, parents can see and hear exactly what the child is learning.

It is also important to remember that there is lots of repetition in learning. We present opportunities to learn rather than teach. Each child will do it in his or her own way. Each child has his own unique learning style. Most children are kinaesthetic learners. That is, they learn through movement and touch. Movement and touch are strong sensory teaching tools. The programmes I have developed include songs, stories, videos and apps that reinforce classroom learning. The learning materials are also appropriate to meet the needs of children who are auditory and visual learners. This ensures that every child learns English in the way that is best suited for their learning style.

Children learn at different paces and every child will learn. Parents do not need to be anxious. Helen Doron English courses are based upon a methodology that teaches children naturally. For the early age groups, they will learn and there is no need to measure. They learn the whole time. Helen Doron English teacher, Leior Resnick explains that parents of her students will report that while reading to their child in their native language, the child will often say words in English. She continues, “Parents sit in the lesson and are amazed with their child’s response to my instructions and questions, his participation and speaking abilities. Even if the parent can’t understand what is said, they clearly see that their child is fully cooperating in an English environment.”

Sequencing ensures progression

The highest quality programmes offer systematic courses so a parent can also know that the courses build upon each other. As the child grows through the programme there is a natural progression to learning; Children are not just taking in information randomly. At no stage does the parent need to think that their child will not succeed if they miss some of the materials.

Nothing is ever lost

For parents that worry that their child might become confused speaking English together with their native language, there is new information that confirms that language is actually hard-wired in the brain. Even for children that were removed from their native language environment, the language is not lost. “Lost” first languages leave a permanent mark on the brain, according to a report from November 2014. The study, published in the Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) in the US, challenges the existing understanding that exposure to a language in the first year of a child’s life can be “erased” if he or she is moved to a different linguistic environment or speaks a second language.

The implications for bilingual or multi-language learning are clear. Whether a child learns a second language through simultaneous or sequential acquisition, language starts from day one. Everything they have ever heard, even if they are not using it, will come out at some point. Parents must trust their child and understand if they are happily engaged and participating in the English language lesson, they are indeed, learning. For more information about Helen Doron English classes for children of all ages, visit: www.HelenDoron.com

About Helen Doron

Helen began a small home business in 1985 and created a unique methodology with original and revolutionary learning materials. Her courses flourished and the business grew rapidly as Helen added teachers, teacher training courses and additional programmes based on her exclusive methodology of creativity and self-expression. New disciplines were added – maths, fitness, and infant development – and all were united under the brand name Helen Doron Educational Group.

Helen Doron Educational Group stands at the forefront of innovative educational systems providing exclusive learning programmes and quality educational materials for babies, children, adolescents and teens the world over. Helen Doron Educational Group has become one of the largest children’s educational franchisors worldwide, with close to 90 Master Franchisees and over 880 Learning Centres in 35 countries across 5 continents, and full kindergarten programmes in Turkey and South Korea. For more information about Helen Doron English: www.helendoron.com

ChatGPT
Helen_BLOG3
Siamo lieti di presentarvi una serie di post sul blog e un’opportunità per imparare dall’educatrice e linguista Helen Doron. Helen insegna l’inglese ai bambini da 30 anni. È la fondatrice e CEO dell’Helen Doron Educational Group e ha creato una metodologia unica per insegnare inglese, matematica, fitness e sviluppo infantile con materiali di apprendimento originali e rivoluzionari.

La domanda di questa settimana è la seconda in una serie di tre parti e riguarda le esigenze dei bambini dai 2 ai 4 anni: Come possono i genitori gettare le basi per l’apprendimento precoce della lingua e come possono valutare ciò che il loro giovane figlio (fino all’età di 6 anni) sta imparando in un istituto di inglese?

Helen risponde:

Questa è una domanda interessante perché non tutti i genitori parlano inglese ma vorranno sapere che il loro bambino sta effettivamente imparando. Poiché l’età da 0 a 6 anni copre uno spettro così ampio di capacità, esamineremo diversi gruppi di sviluppo. Il blog precedente ha discusso come i genitori di bambini dai 0 ai 2 anni possono gettare le basi per l’apprendimento precoce, trovare programmi iniziali di inglese e valutare ciò che il loro bambino sta imparando. In questo blog, discuteremo come i genitori di bambini dai 2 ai 4 anni possono determinare ciò che il loro bambino sta imparando.

Coltivare le basi per l’apprendimento

I genitori di bambini piccoli dai 2 ai 4 anni che decidono di iscrivere il loro bambino a corsi di inglese capiscono che iniziare l’apprendimento di un’altra lingua è ottimale durante gli anni precoci. Questi genitori capiscono anche quanto sia importante un forte comando della lingua inglese per il futuro dei loro figli. Per i bambini in età prescolare, ci sono pochissime opzioni di apprendimento della lingua inglese, ma quando si cercano programmi specificamente in inglese per i bambini in età prescolare, questi corsi devono insegnare utilizzando una metodologia efficace e coerente. Gli insegnanti, i caregiver e i genitori svolgono un ruolo cruciale nelle esperienze di apprendimento di un bambino ed è attraverso queste relazioni che i bambini acquisiscono la fiducia e la sicurezza di cui hanno bisogno per imparare. Come per i bambini piccoli, dai 0 ai 2 anni, le esperienze di apprendimento per i bambini in età prescolare dai 2 ai 4 anni sono la base per la crescita e lo sviluppo e ciò che imparano in quegli anni dipende dalle esperienze che vivono ogni giorno. Un corso di successo per bambini di questa età continua a dipendere dalle connessioni emotive che li aiutano a ottenere la fiducia di cui hanno bisogno per imparare.

Apprendimento della lingua madre

Trent’anni di esperienza nell’insegnamento e nello sviluppo di programmi di inglese per neonati, bambini e adolescenti hanno confermato che il modo migliore per insegnare l’inglese è come lingua madre. Per i giovani apprendenti dai 2 ai 4 anni, spesso imparano l’inglese allo stesso tempo in cui imparano la loro lingua madre. Il metodo di insegnamento più efficace è insegnare l’inglese nello stesso modo in cui imparano la loro lingua madre. I bambini imparano a comprendere e parlare prima di imparare a leggere e scrivere; è così che la lingua si sviluppa naturalmente. Questo non è il modo in cui i bambini vengono insegnati a scuola. Le scuole insegnano e valutano il progresso degli studenti nella lettura e nella scrittura; spesso la capacità di parlare viene dopo. Questo avviene a causa delle dimensioni delle classi e gli insegnanti non hanno il tempo di insegnare a classi di 15, 25 o addirittura 30 studenti a parlare. Questo metodo di insegnamento della lettura e della scrittura prima o addirittura insieme alla parlata non ha dimostrato di essere un formato altrettanto efficace per imparare una lingua. La pratica del linguaggio parlato, un vocabolario di base e funzionale con molte ripetizioni, il rinforzo positivo e il divertimento attraverso giochi sono la chiave per imparare la lingua.

Stili di apprendimento

Uno degli strumenti che un programma di apprendimento precoce di inglese dovrebbe fornire sono aggiornamenti mensili o trimestrali dall’insegnante su ciò che il bambino ha imparato e su cosa imparerà. I materiali didattici che ho sviluppato per questa fascia d’età forniscono al bambino materiali didattici per la casa. Questi materiali didattici per la casa sono una parte estremamente importante dell’insegnamento dell’inglese in modo naturale, come i bambini imparano la loro lingua madre. In questo modo, i genitori possono vedere e sentire esattamente ciò che il bambino sta imparando.
È importante ricordare che c’è molta ripetizione nell’apprendimento. Forniamo opportunità di apprendimento anziché insegnare. Ogni bambino lo farà a modo suo. Ogni bambino ha il suo stile di apprendimento unico. La maggior parte dei bambini è un’apprendista cinestetico. Vale a dire, imparano attraverso il movimento e il tatto. Il movimento e il tatto sono forti strumenti di insegnamento sensoriale. I programmi che ho sviluppato includono canzoni, storie, video e app che rafforzano l’apprendimento in classe. I materiali didattici sono adatti anche alle esigenze dei bambini che sono apprendisti uditivi e visivi. Ciò assicura che ogni bambino impari l’inglese nel modo più adatto al suo stile di apprendimento.

I bambini imparano a ritmi diversi e ogni bambino imparerà. I genitori non devono essere ansiosi. I corsi di Helen Doron English si basano su una metodologia che insegna ai bambini in modo naturale. Per i gruppi di età precoce, impareranno e non c’è bisogno di misurare. Imparano tutto il tempo. Leior Resnick, insegnante di Helen Doron English, spiega che i genitori dei suoi studenti riferiranno che mentre leggono al loro bambino nella loro lingua madre, il bambino dirà spesso parole in inglese. Prosegue, “I genitori si siedono nella lezione e sono stupiti dalla risposta del loro bambino alle mie istruzioni e domande, dalla sua partecipazione e dalle sue abilità di parlare. Anche se il genitore non può capire cosa viene detto, vedono chiaramente che il loro bambino sta collaborando pienamente in un ambiente in cui si parla inglese.”

La sequenza assicura la progressione

I programmi di qualità più elevata offrono corsi sistematici in modo che i genitori possano anche sapere che i corsi si costruiscono l’uno sull’altro. Man mano che il bambino cresce attraverso il programma, c’è una progressione naturale nell’apprendimento; i bambini non stanno solo acquisendo informazioni casualmente. In nessuna fase il genitore deve pensare che il loro bambino non avrà successo se perderà parte dei materiali.

Niente va mai perso

Per i genitori che temono che il loro bambino potrebbe confondersi parlando inglese insieme alla loro lingua madre, ci sono nuove informazioni che confermano che la lingua è effettivamente cablata nel cervello. Anche per i bambini che sono stati rimossi dall’ambiente della loro lingua madre, la lingua non è persa. “Perdite” di prime lingue lasciano un segno permanente nel cervello, secondo un rapporto di novembre 2014. Lo studio, pubblicato nelle Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) negli Stati Uniti, sfida la comprensione esistente secondo cui l’esposizione a una lingua nel primo anno di vita di un bambino può essere “cancellata” se lui o lei viene spostato in un diverso ambiente linguistico o parla una seconda lingua.
Le implicazioni per l’apprendimento bilingue o multilingue sono chiare. Che un bambino impari una seconda lingua attraverso un’acquisizione simultanea o sequenziale, la lingua inizia dal primo giorno. Tutto ciò che hanno mai sentito, anche se non lo stanno usando, verrà fuori in qualche momento. I genitori devono fidarsi del loro bambino e capire che se sono felicemente coinvolti e partecipano alla lezione

1962 Views

HDE_HMW_Radio-Facebook-cover_MAR15 (4)

Helen Doron Radio visita Italia, San Marino e Portogallo per promuovere l’iniziativa “Hello My World!” per salvare gli orangutan e i loro habitat nella foresta pluviale. Richard Freedman, personaggio televisivo e radiofonico, viaggerà in Italia, San Marino e Portogallo, visitando i Centri di Apprendimento Helen Doron per trasmettere con i giovani ascoltatori sull’iniziativa “Hello My World!” sulla popolare emittente radio internazionale.

I Centri di Apprendimento Helen Doron English in Italia, San Marino e Portogallo ospiteranno trasmissioni radio in diretta, intervisteranno giovani in inglese e discuteranno di ciò che stanno facendo per contribuire alla campagna “Hello My World!”, un’iniziativa globale che si concentra sul salvataggio dell’orangutan, una delle creature più intelligenti del mondo animale. Studenti di tutte le età sono invitati a sostenere la protezione, la conservazione e la comprensione degli orangutan e del loro habitat naturale, la foresta pluviale. L’inglese è essenziale per la campagna. La fondatrice e CEO Helen Doron spiega: “Incoraggiando i bambini a imparare l’inglese forniamo loro uno strumento che consente loro di comunicare tra di loro e di stabilire nuovi rapporti. Questa lingua condivisa ha un enorme valore poiché unisce la nostra voce e insieme possiamo diffondere consapevolezza sulla situazione critica degli orangutan.”

Il tour radio inizia il 14 maggio a Roma, Italia, e si conclude a Lisbona, Portogallo, il 31 maggio, dove entrambi i paesi stanno celebrando 10 anni di Helen Doron English e sono attivamente coinvolti in “Hello My World!” Helen Doron Portogallo ha adottato un orangutan di nome Mary ospitato nello Zoo di Lisbona e domenica 31 maggio, 4000 studenti di Helen Doron provenienti da tutto il Portogallo si riuniranno allo zoo per un evento festoso e una visita guidata. Richard Freedman sarà presente per registrare l’evento e trasmetterlo successivamente su Helen Doron Radio.

Richard trasmetterà con i giovani nei loro Centri di Apprendimento Helen Doron secondo il seguente calendario: 15 maggio – Firenze, Italia; 16 maggio – Arezzo, Italia; 18 maggio – Napoli, Italia; 19 maggio – Barletta, Italia; 20 maggio – San Marino; 21 maggio – Modena, Italia; 22 maggio – Bergamo, Italia; 28-30 maggio – Lisbona, Portogallo.

Freedman ha commentato: “Sono entusiasta di poter incontrare molti degli studenti che lavorano duramente per promuovere la campagna ‘Hello My World!’ per salvare gli orangutan dall’estinzione. Questa sarà la terza tappa del roadshow di Helen Doron Radio e continueremo a pianificare ulteriori tappe in tutto il mondo, poiché questi tour ci offrono l’opportunità di incontrare molti dei nostri giovani ascoltatori e dar loro voce alla radio.” Prosegue: “I nostri ragazzi stanno sensibilizzando le loro famiglie e amici sulla situazione di questi animali e stanno diffondendo consapevolezza in tutto il mondo. Sono orgoglioso di dire che la radio è uno strumento importante utilizzato per diffondere il messaggio su una causa così importante.”

Oltre alle discussioni sulle cause a cui questa fascia d’età è appassionata: grande musica, storie in evidenza, quiz, concorsi, notizie rilevanti per i ragazzi e interviste speciali su vari argomenti tengono i ragazzi sintonizzati su Helen Doron Radio, che raggiunge ascoltatori da oltre 100 paesi in tutto il mondo. La maggior parte di loro ascolta la stazione radio educativa sui loro smartphone tramite l’app, ora disponibile su Android e iPhone.

Helen Doron English offre i programmi didattici più completi del settore, programmi che consentono ai bambini dai neonati all’adolescenza di diventare competenti e a loro agio nel parlare, leggere e scrivere l’inglese. Gli studenti di Helen Doron Teen English sono preparati per gli esami del Quadro comune di riferimento europeo in un ambiente di apprendimento divertente e naturale che è unico per Helen Doron.

L’articolo Helen Doron Radio Promuove “Hello My World!” è apparso prima su Helen Doron Group.

User
Traduci in italiano mantenendo i tag:

Helen_BLOG3

We are pleased to bring you a series of blog posts and an opportunity to learn from educator and linguistic scientist, Helen Doron. Helen has been teaching English to children for 30 years. She is the founder and CEO of the Helen Doron Educational Group and created a unique methodology for teaching English, maths, fitness, and infant development with original and revolutionary learning materials.

This week’s question is second in a three-part series and addresses the needs for children ages 2-4: How can parents lay a foundation for early language learning and how can they evaluate what their young child (up to the age of 6) is learning in an English institute?

Helen answers:

This is an interesting question because not all parents speak English but will want to know that their child is indeed learning. Because ages 0-6 covers such a wide spectrum of capabilities, we will look at several developmental groupings. The prior blog discussed how parents of children ages 0-2 can lay the foundation for early learning, find early English programmes and assess what their child is learning. In this blog, we will discuss how parents of children ages 2-4 can determine what their child is learning.

Nurturing the foundation for learning

Parents of young children ages 2-4 that decide to enrol their child in English classes understand that starting learning another language is optimal during the early years. These parents also understand how important a strong command of the English language is for their children’s future. For the pre-schooler, there are very few English language learning options but when researching programmes in English specifically for the toddler and pre-schoolers, these courses must teach using an effective and consistent methodology. Teachers, caregivers and parents play a pivotal role in a child’s learning experiences and it is through these relationships that children gain the confidence and the security they need to learn. As with babies, ages 0-2, learning experiences for the toddler/pre-schoolers ages 2-4 are the foundation for growth and development and what they learn during those years depends on the experiences they have each and every day. A successful course for children this age continues to depend upon emotional connections that help give them the confidence that they need to learn.

Mother-tongue language learning

Thirty years’ experience teaching and developing English programmes for infants, children and teens has confirmed that the best way to teach English is as a mother-tongue language. For young learners ages 2-4 years old, they are often learning English at the same time that they are learning their mother tongue. The most effective teaching method is to teach English the same way that they learn their mother-tongue. Children learn to understand and speak before they learn to read and write; this is how language naturally develops. This is not how children are taught in school. Schools teach and evaluate student progress in reading and writing; speaking often comes afterwards. This is due to class size and teachers do not have the time to teach classes of 15, 25 or even 30 students to speak. This method of teaching reading and writing before or even with speaking has not shown to be as effective a format for learning a language. Spoken language practice, basic and functional vocabulary with lots of repetition, positive reinforcement and through fun and games are the key to learning language.

Learning Styles

One of the tools that an early learning English programme should provide is monthly or quarterly updates from the teacher with what the child has learned and what they will be learning. The learning materials I have developed for this age group provide the child with home learning materials. These home learning materials are an extremely important part of teaching English in a natural way—the way children learn their mother-tongue. In this way, parents can see and hear exactly what the child is learning.

It is also important to remember that there is lots of repetition in learning. We present opportunities to learn rather than teach. Each child will do it in his or her own way. Each child has his own unique learning style. Most children are kinaesthetic learners. That is, they learn through movement and touch. Movement and touch are strong sensory teaching tools. The programmes I have developed include songs, stories, videos and apps that reinforce classroom learning. The learning materials are also appropriate to meet the needs of children who are auditory and visual learners. This ensures that every child learns English in the way that is best suited for their learning style.

Children learn at different paces and every child will learn. Parents do not need to be anxious. Helen Doron English courses are based upon a methodology that teaches children naturally. For the early age groups, they will learn and there is no need to measure. They learn the whole time. Helen Doron English teacher, Leior Resnick explains that parents of her students will report that while reading to their child in their native language, the child will often say words in English. She continues, “Parents sit in the lesson and are amazed with their child’s response to my instructions and questions, his participation and speaking abilities. Even if the parent can’t understand what is said, they clearly see that their child is fully cooperating in an English environment.”

Sequencing ensures progression

The highest quality programmes offer systematic courses so a parent can also know that the courses build upon each other. As the child grows through the programme there is a natural progression to learning; Children are not just taking in information randomly. At no stage does the parent need to think that their child will not succeed if they miss some of the materials.

Nothing is ever lost

For parents that worry that their child might become confused speaking English together with their native language, there is new information that confirms that language is actually hard-wired in the brain. Even for children that were removed from their native language environment, the language is not lost. “Lost” first languages leave a permanent mark on the brain, according to a report from November 2014. The study, published in the Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) in the US, challenges the existing understanding that exposure to a language in the first year of a child’s life can be “erased” if he or she is moved to a different linguistic environment or speaks a second language.

The implications for bilingual or multi-language learning are clear. Whether a child learns a second language through simultaneous or sequential acquisition, language starts from day one. Everything they have ever heard, even if they are not using it, will come out at some point. Parents must trust their child and understand if they are happily engaged and participating in the English language lesson, they are indeed, learning. For more information about Helen Doron English classes for children of all ages, visit: www.HelenDoron.com

About Helen Doron

Helen began a small home business in 1985 and created a unique methodology with original and revolutionary learning materials. Her courses flourished and the business grew rapidly as Helen added teachers, teacher training courses and additional programmes based on her exclusive methodology of creativity and self-expression. New disciplines were added – maths, fitness, and infant development – and all were united under the brand name Helen Doron Educational Group.

Helen Doron Educational Group stands at the forefront of innovative educational systems providing exclusive learning programmes and quality educational materials for babies, children, adolescents and teens the world over. Helen Doron Educational Group has become one of the largest children’s educational franchisors worldwide, with close to 90 Master Franchisees and over 880 Learning Centres in 35 countries across 5 continents, and full kindergarten programmes in Turkey and South Korea. For more information about Helen Doron English: www.helendoron.com

ChatGPT
Helen_BLOG3
Siamo lieti di presentarvi una serie di post sul blog e un’opportunità per imparare dall’educatrice e linguista Helen Doron. Helen insegna l’inglese ai bambini da 30 anni. È la fondatrice e CEO dell’Helen Doron Educational Group e ha creato una metodologia unica per insegnare inglese, matematica, fitness e sviluppo infantile con materiali di apprendimento originali e rivoluzionari.

La domanda di questa settimana è la seconda in una serie di tre parti e riguarda le esigenze dei bambini dai 2 ai 4 anni: Come possono i genitori gettare le basi per l’apprendimento precoce della lingua e come possono valutare ciò che il loro giovane figlio (fino all’età di 6 anni) sta imparando in un istituto di inglese?

Helen risponde:

Questa è una domanda interessante perché non tutti i genitori parlano inglese ma vorranno sapere che il loro bambino sta effettivamente imparando. Poiché l’età da 0 a 6 anni copre uno spettro così ampio di capacità, esamineremo diversi gruppi di sviluppo. Il blog precedente ha discusso come i genitori di bambini dai 0 ai 2 anni possono gettare le basi per l’apprendimento precoce, trovare programmi iniziali di inglese e valutare ciò che il loro bambino sta imparando. In questo blog, discuteremo come i genitori di bambini dai 2 ai 4 anni possono determinare ciò che il loro bambino sta imparando.

Coltivare le basi per l’apprendimento

I genitori di bambini piccoli dai 2 ai 4 anni che decidono di iscrivere il loro bambino a corsi di inglese capiscono che iniziare l’apprendimento di un’altra lingua è ottimale durante gli anni precoci. Questi genitori capiscono anche quanto sia importante un forte comando della lingua inglese per il futuro dei loro figli. Per i bambini in età prescolare, ci sono pochissime opzioni di apprendimento della lingua inglese, ma quando si cercano programmi specificamente in inglese per i bambini in età prescolare, questi corsi devono insegnare utilizzando una metodologia efficace e coerente. Gli insegnanti, i caregiver e i genitori svolgono un ruolo cruciale nelle esperienze di apprendimento di un bambino ed è attraverso queste relazioni che i bambini acquisiscono la fiducia e la sicurezza di cui hanno bisogno per imparare. Come per i bambini piccoli, dai 0 ai 2 anni, le esperienze di apprendimento per i bambini in età prescolare dai 2 ai 4 anni sono la base per la crescita e lo sviluppo e ciò che imparano in quegli anni dipende dalle esperienze che vivono ogni giorno. Un corso di successo per bambini di questa età continua a dipendere dalle connessioni emotive che li aiutano a ottenere la fiducia di cui hanno bisogno per imparare.

Apprendimento della lingua madre

Trent’anni di esperienza nell’insegnamento e nello sviluppo di programmi di inglese per neonati, bambini e adolescenti hanno confermato che il modo migliore per insegnare l’inglese è come lingua madre. Per i giovani apprendenti dai 2 ai 4 anni, spesso imparano l’inglese allo stesso tempo in cui imparano la loro lingua madre. Il metodo di insegnamento più efficace è insegnare l’inglese nello stesso modo in cui imparano la loro lingua madre. I bambini imparano a comprendere e parlare prima di imparare a leggere e scrivere; è così che la lingua si sviluppa naturalmente. Questo non è il modo in cui i bambini vengono insegnati a scuola. Le scuole insegnano e valutano il progresso degli studenti nella lettura e nella scrittura; spesso la capacità di parlare viene dopo. Questo avviene a causa delle dimensioni delle classi e gli insegnanti non hanno il tempo di insegnare a classi di 15, 25 o addirittura 30 studenti a parlare. Questo metodo di insegnamento della lettura e della scrittura prima o addirittura insieme alla parlata non ha dimostrato di essere un formato altrettanto efficace per imparare una lingua. La pratica del linguaggio parlato, un vocabolario di base e funzionale con molte ripetizioni, il rinforzo positivo e il divertimento attraverso giochi sono la chiave per imparare la lingua.

Stili di apprendimento

Uno degli strumenti che un programma di apprendimento precoce di inglese dovrebbe fornire sono aggiornamenti mensili o trimestrali dall’insegnante su ciò che il bambino ha imparato e su cosa imparerà. I materiali didattici che ho sviluppato per questa fascia d’età forniscono al bambino materiali didattici per la casa. Questi materiali didattici per la casa sono una parte estremamente importante dell’insegnamento dell’inglese in modo naturale, come i bambini imparano la loro lingua madre. In questo modo, i genitori possono vedere e sentire esattamente ciò che il bambino sta imparando.
È importante ricordare che c’è molta ripetizione nell’apprendimento. Forniamo opportunità di apprendimento anziché insegnare. Ogni bambino lo farà a modo suo. Ogni bambino ha il suo stile di apprendimento unico. La maggior parte dei bambini è un’apprendista cinestetico. Vale a dire, imparano attraverso il movimento e il tatto. Il movimento e il tatto sono forti strumenti di insegnamento sensoriale. I programmi che ho sviluppato includono canzoni, storie, video e app che rafforzano l’apprendimento in classe. I materiali didattici sono adatti anche alle esigenze dei bambini che sono apprendisti uditivi e visivi. Ciò assicura che ogni bambino impari l’inglese nel modo più adatto al suo stile di apprendimento.

I bambini imparano a ritmi diversi e ogni bambino imparerà. I genitori non devono essere ansiosi. I corsi di Helen Doron English si basano su una metodologia che insegna ai bambini in modo naturale. Per i gruppi di età precoce, impareranno e non c’è bisogno di misurare. Imparano tutto il tempo. Leior Resnick, insegnante di Helen Doron English, spiega che i genitori dei suoi studenti riferiranno che mentre leggono al loro bambino nella loro lingua madre, il bambino dirà spesso parole in inglese. Prosegue, “I genitori si siedono nella lezione e sono stupiti dalla risposta del loro bambino alle mie istruzioni e domande, dalla sua partecipazione e dalle sue abilità di parlare. Anche se il genitore non può capire cosa viene detto, vedono chiaramente che il loro bambino sta collaborando pienamente in un ambiente in cui si parla inglese.”

La sequenza assicura la progressione

I programmi di qualità più elevata offrono corsi sistematici in modo che i genitori possano anche sapere che i corsi si costruiscono l’uno sull’altro. Man mano che il bambino cresce attraverso il programma, c’è una progressione naturale nell’apprendimento; i bambini non stanno solo acquisendo informazioni casualmente. In nessuna fase il genitore deve pensare che il loro bambino non avrà successo se perderà parte dei materiali.

Niente va mai perso

Per i genitori che temono che il loro bambino potrebbe confondersi parlando inglese insieme alla loro lingua madre, ci sono nuove informazioni che confermano che la lingua è effettivamente cablata nel cervello. Anche per i bambini che sono stati rimossi dall’ambiente della loro lingua madre, la lingua non è persa. “Perdite” di prime lingue lasciano un segno permanente nel cervello, secondo un rapporto di novembre 2014. Lo studio, pubblicato nelle Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) negli Stati Uniti, sfida la comprensione esistente secondo cui l’esposizione a una lingua nel primo anno di vita di un bambino può essere “cancellata” se lui o lei viene spostato in un diverso ambiente linguistico o parla una seconda lingua.
Le implicazioni per l’apprendimento bilingue o multilingue sono chiare. Che un bambino impari una seconda lingua attraverso un’acquisizione simultanea o sequenziale, la lingua inizia dal primo giorno. Tutto ciò che hanno mai sentito, anche se non lo stanno usando, verrà fuori in qualche momento. I genitori devono fidarsi del loro bambino e capire che se sono felicemente coinvolti e partecipano alla lezione