Apprendimento a Spirale – Un Approccio di Successo per il tuo Bambino

2418 Views

Tempo di lettura: 3 minuti

Oltre 2 milioni di bambini hanno imparato l’inglese attraverso la metodologia Helen Doron. Qual è il segreto del tuo successo? Come funziona il metodo?

Ci sono molte caratteristiche della metodologia che contribuiscono al suo successo, concentriamoci ora sul concetto di apprendimento a spirale. L’apprendimento a spirale è un concetto relativamente nuovo nell’educazione. Piuttosto che cercare di padroneggiare una materia tutto in una volta, l’apprendimento a spirale insegna gradualmente e ripetutamente un concetto, rafforzando le idee nel tempo. L’idea è che ogni volta che uno studente incontra un argomento, espande le sue conoscenze o migliora il suo livello di abilità. È un processo molto naturale.

Come l’apprendimento a spirale è un processo naturale?

Pensa a come hai insegnato a tuo figlio. L’hai portato in cucina e gli hai detto: “Ci sederemo qui finché imparerai tutti gli utensili: cucchiaio, bicchiere, forchetta, tavolo e così via.” Immagino che tu non abbia fatto così e piuttosto gli hai insegnato attraverso il processo di partecipazione attiva. “Ecco il tuo bicchiere. Cosa c’è nel tuo bicchiere? Oh, sì, hai succo nel bicchiere. Vorresti un cucchiaio per mettere nel bicchiere? E così via…”

Quello che stai facendo è usare il linguaggio e ripetere la parola e utilizzare frasi per enfatizzare le parole e le idee che stai cercando di trasmettere. È un modo atteso di apprendere. Nessuno si è seduto in giardino con il proprio bambino piccolo e ha detto: “Va bene, impareremo tutto sul giardino e non torneremo dentro finché non avrai padroneggiato le informazioni.” Non è un modo naturale di apprendere, non è così che facciamo le cose. Apprendiamo le informazioni nel contesto e le apprendiamo nel tempo ed è un modo intuitivo di apprendimento. Il mio metodo insegna il 70% di contenuti familiari e il 30% di nuove idee perché i bambini devono essere introdotti al nuovo, anche se non conoscono ancora bene il vecchio. È essenziale ricordare che i bambini crescono e cambiano costantemente, anche di settimana in settimana. Un bambino una settimana è completamente diverso dalla settimana successiva e di sicuro, quando passa un mese tra il reintrodurre le idee, può esserci un universo intero tra il modo in cui il bambino comprende le informazioni e processa ciò che sta imparando.

Negli anni ’80, quando ho iniziato a insegnare inglese, avevamo appena prodotto il programma English For All Children. Il libro 2 insegnava le parti del corpo e avevo la sensazione che uno dei bambini del mio gruppo di 3-5 anni non stesse “cogliendo”. Sentivo che non conoscevano abbastanza bene le informazioni, quindi ho deciso di insegnare le cose didattiche che sapevo che tutti gli altri insegnavano, anche se non era la mia metodologia o filosofia di insegnamento farlo. Ho deciso che la classe avrebbe imparato le parti del corpo, avevo un intero arsenale di attività e giochi, dal bingo a lotto a giochi di memoria e movimento, nascondino e cerca. Uscimmo da quella lezione e dissi alla classe: “Ecco fatto! Conoscete tutte le parti del corpo. Siete fantastici! Potete dire spalle, ginocchia, dita e altro. Potete fare tutte le cose, sono così orgoglioso di voi.” Con mia sorpresa, i bambini risposero: “Ma non abbiamo imparato nulla.” Con stupore risposi: “Cosa intendete con non abbiamo imparato nulla? Abbiamo appena passato 45 minuti a imparare le parti del corpo e le conoscete davvero bene.” Risposero: “Sì, ma non abbiamo imparato nulla di nuovo.”

Gli studenti si aspettavano di imparare qualcosa di nuovo. Non è che si aspettavano di padroneggiare completamente un nuovo concetto. Potrebbero non pronunciare correttamente la parola il 100% delle volte, ma erano soddisfatti e sapevano che sarebbero tornati all’idea nelle settimane successive. Poco a poco, la conoscenza si sarebbe radicata saldamente. È un po’ come la storia di tingere il tessuto. Quando si tinge un tessuto in India, si prende il tessuto, lo si intinge nel colore, lo si mette al sole ad asciugare, si sbiadisce e poi lo si ridipingono finché non diventa fisso. L’apprendimento a spirale è esattamente così. I bambini vengono esposti a qualcosa, escono, dimenticano un po’, tornano, imparano di nuovo e il processo continua finché non lo conoscono davvero, senza sforzo.

2419 Views

Oltre 2 milioni di bambini hanno imparato l’inglese attraverso la metodologia Helen Doron. Qual è il segreto del tuo successo? Come funziona il metodo?

Ci sono molte caratteristiche della metodologia che contribuiscono al suo successo, concentriamoci ora sul concetto di apprendimento a spirale. L’apprendimento a spirale è un concetto relativamente nuovo nell’educazione. Piuttosto che cercare di padroneggiare una materia tutto in una volta, l’apprendimento a spirale insegna gradualmente e ripetutamente un concetto, rafforzando le idee nel tempo. L’idea è che ogni volta che uno studente incontra un argomento, espande le sue conoscenze o migliora il suo livello di abilità. È un processo molto naturale.

Come l’apprendimento a spirale è un processo naturale?

Pensa a come hai insegnato a tuo figlio. L’hai portato in cucina e gli hai detto: “Ci sederemo qui finché imparerai tutti gli utensili: cucchiaio, bicchiere, forchetta, tavolo e così via.” Immagino che tu non abbia fatto così e piuttosto gli hai insegnato attraverso il processo di partecipazione attiva. “Ecco il tuo bicchiere. Cosa c’è nel tuo bicchiere? Oh, sì, hai succo nel bicchiere. Vorresti un cucchiaio per mettere nel bicchiere? E così via…”

Quello che stai facendo è usare il linguaggio e ripetere la parola e utilizzare frasi per enfatizzare le parole e le idee che stai cercando di trasmettere. È un modo atteso di apprendere. Nessuno si è seduto in giardino con il proprio bambino piccolo e ha detto: “Va bene, impareremo tutto sul giardino e non torneremo dentro finché non avrai padroneggiato le informazioni.” Non è un modo naturale di apprendere, non è così che facciamo le cose. Apprendiamo le informazioni nel contesto e le apprendiamo nel tempo ed è un modo intuitivo di apprendimento. Il mio metodo insegna il 70% di contenuti familiari e il 30% di nuove idee perché i bambini devono essere introdotti al nuovo, anche se non conoscono ancora bene il vecchio. È essenziale ricordare che i bambini crescono e cambiano costantemente, anche di settimana in settimana. Un bambino una settimana è completamente diverso dalla settimana successiva e di sicuro, quando passa un mese tra il reintrodurre le idee, può esserci un universo intero tra il modo in cui il bambino comprende le informazioni e processa ciò che sta imparando.

Negli anni ’80, quando ho iniziato a insegnare inglese, avevamo appena prodotto il programma English For All Children. Il libro 2 insegnava le parti del corpo e avevo la sensazione che uno dei bambini del mio gruppo di 3-5 anni non stesse “cogliendo”. Sentivo che non conoscevano abbastanza bene le informazioni, quindi ho deciso di insegnare le cose didattiche che sapevo che tutti gli altri insegnavano, anche se non era la mia metodologia o filosofia di insegnamento farlo. Ho deciso che la classe avrebbe imparato le parti del corpo, avevo un intero arsenale di attività e giochi, dal bingo a lotto a giochi di memoria e movimento, nascondino e cerca. Uscimmo da quella lezione e dissi alla classe: “Ecco fatto! Conoscete tutte le parti del corpo. Siete fantastici! Potete dire spalle, ginocchia, dita e altro. Potete fare tutte le cose, sono così orgoglioso di voi.” Con mia sorpresa, i bambini risposero: “Ma non abbiamo imparato nulla.” Con stupore risposi: “Cosa intendete con non abbiamo imparato nulla? Abbiamo appena passato 45 minuti a imparare le parti del corpo e le conoscete davvero bene.” Risposero: “Sì, ma non abbiamo imparato nulla di nuovo.”

Gli studenti si aspettavano di imparare qualcosa di nuovo. Non è che si aspettavano di padroneggiare completamente un nuovo concetto. Potrebbero non pronunciare correttamente la parola il 100% delle volte, ma erano soddisfatti e sapevano che sarebbero tornati all’idea nelle settimane successive. Poco a poco, la conoscenza si sarebbe radicata saldamente. È un po’ come la storia di tingere il tessuto. Quando si tinge un tessuto in India, si prende il tessuto, lo si intinge nel colore, lo si mette al sole ad asciugare, si sbiadisce e poi lo si ridipingono finché non diventa fisso. L’apprendimento a spirale è esattamente così. I bambini vengono esposti a qualcosa, escono, dimenticano un po’, tornano, imparano di nuovo e il processo continua finché non lo conoscono davvero, senza sforzo.