Imparare naturalmente con il metodo a spirale – Parte 2

1590 Views

Tempo di lettura: 4 minuti

Helen, continuiamo la nostra conversazione riguardo agli elementi vari che contribuiscono al successo della metodologia Helen Doron; cosa rende efficace questo metodo?

Ci sono vari componenti che contribuiscono al successo di questa metodologia, e abbiamo ancora da spiegare le caratteristiche importanti che la “spiral learning” apporta al suo successo. La “spiral learning” è un concetto relativamente nuovo nell’educazione. Invece di cercare di padroneggiare un argomento tutto in una volta, questa metodologia insegna gradualmente e ripetutamente un concetto, rinforzando le idee nel tempo. L’idea è che ogni volta che uno studente si confronta con l’argomento, amplia le proprie conoscenze o migliora le proprie abilità. È un processo molto naturale.

Voglio condividere con te un’aneddoto interessante: avevo un bambino di due anni che frequentava una delle mie classi, che era principalmente composta da bambini di quattro anni. Nei primi anni non avevamo la ricchezza di materiali didattici che abbiamo ora e mescolavamo le età in classe. Oggi siamo più precisi. Questo bambino era ciò che oggi potremmo chiamare iperattivo e passava tutto il tempo girando per la classe e facendo rumori come un aereo. Quando insegnavo una nuova idea, lui si fermava, l’aereo sembrava atterrare e lui si sedeva ipnotizzato ad assorbire tutto. Quando finivo di insegnare i nuovi materiali, si alzava e tornava a volare per la classe. Sapeva quali erano i nuovi materiali, era assolutamente chiaro.

La “spiral learning” è un metodo molto migliore del metodo di padronanza. Quando insegni il metodo di padronanza, anche se lo fai attraverso attività diverse e piacevoli, il materiale non è nuovo e questo non stimola i bambini come fa l’informazione nuova. I bambini vogliono imparare nuove idee. Si sentono a loro agio nell’idea di non dover padroneggiare completamente tutte le informazioni fin dall’inizio. Non sentono la necessità di conoscere completamente le informazioni prima di continuare e imparare qualcos’altro. Con la “spiral learning”, quando gli studenti ritornano alle informazioni il mese o l’anno successivo, le apprenderanno in un contesto nuovo e diverso. Impareranno sfumature diverse del concetto e acquisiranno una comprensione ancora più profonda della lingua.

Ad esempio, cos’è la parola “treno”? Per un bambino piccolo, la parola si riferisce semplicemente a un “treno chuchu”, ma crescendo e imparando, la parola assume significati aggiuntivi e potrebbe venire in mente la lunga scia di un abito da sposa, una “scia da abito da sposa”. La parola “treno” può anche essere usata come verbo, per insegnare o “addestrare” qualcuno. C’è anche il concetto di un “filo del pensiero” e così via… Quindi, con ogni stadio di sviluppo, quando il bambino impara la parola “treno” in un contesto diverso, capisce che il significato può avere molte sfumature diverse.

Se la “spiral learning” è un modo naturale di apprendere, perché il metodo di padronanza viene ancora così tanto utilizzato?

La verità è che alcuni insegnanti e genitori preferiscono il metodo di padronanza. Credono che il modo giusto sia insegnare al bambino finché non conosce completamente ciò che viene insegnato e lo insegneranno ancora e ancora attraverso diverse attività e approcci diversi, ma non passeranno avanti finché non lo conoscono. La realtà è che il bambino non ricorderà tutto ciò che è stato insegnato e spesso dimenticherà gran parte di ciò che ha imparato quando le informazioni vengono infilate in lui.

In realtà, il metodo di padronanza può essere un modo più soddisfacente di insegnare, è molto più facile. Con il metodo di “spiral learning”, devi davvero pianificare il tuo curriculum e devi sapere dove stai andando e pianificare in anticipo le diverse fasi in cui un’idea viene introdotta. Molti insegnanti non hanno curriculum così ben pianificati. Quando i bambini iniziano a imparare con il programma Helen Doron, sappiamo cosa impareranno a 3 mesi, la settimana dopo, il mese dopo, a un anno, a cinque anni e persino a 15 anni. Abbiamo un curriculum molto solido basato sulla “spiral learning”. Ho lavorato con esperti dell’educazione e dello sviluppo infantile per creare un curriculum scientifico e studiato. La bellezza è che i bambini non conoscono le tecnicità, si stanno solo divertendo imparando. Quindi, anche se insegnare in questo modo è più impegnativo a causa del pensiero e della pianificazione necessari, credo che questo modo naturale di apprendere sia più soddisfacente. Considera che l’apprendimento naturale è divertente, coinvolgente ed è un antidoto alla noia.

C’è una vecchia storia in cui l’insegnante esce dalla classe ed entra nella sala degli insegnanti. Quando un altro insegnante gli chiede cosa ha imparato la sua classe oggi, lui risponde: “So cosa ho insegnato loro, ma non so cosa hanno imparato loro.” È triste, ma è così che l’educazione è insegnata in tutto il mondo. È obsoleto, ma i genitori iscriveranno i loro figli a questo tipo di classe perché è così che hanno imparato e nella loro mente, questo è il modo corretto. Non è logico per la mente del bambino, anche se lo è per i genitori. Il bambino non ne gioirà e il genitore potrebbe non riconoscere che non è così che un bambino impara naturalmente. Devono abituarsi all’idea che il bambino imparerà e tratterrà le informazioni. La mente dei bambini piccoli deve essere libera di crescere e svilupparsi con fiducia e senza preoccuparsi di quanto sanno esattamente, ma gioendo del processo di apprendimento stesso.

 

1591 Views

Helen, continuiamo la nostra conversazione riguardo agli elementi vari che contribuiscono al successo della metodologia Helen Doron; cosa rende efficace questo metodo?

Ci sono vari componenti che contribuiscono al successo di questa metodologia, e abbiamo ancora da spiegare le caratteristiche importanti che la “spiral learning” apporta al suo successo. La “spiral learning” è un concetto relativamente nuovo nell’educazione. Invece di cercare di padroneggiare un argomento tutto in una volta, questa metodologia insegna gradualmente e ripetutamente un concetto, rinforzando le idee nel tempo. L’idea è che ogni volta che uno studente si confronta con l’argomento, amplia le proprie conoscenze o migliora le proprie abilità. È un processo molto naturale.

Voglio condividere con te un’aneddoto interessante: avevo un bambino di due anni che frequentava una delle mie classi, che era principalmente composta da bambini di quattro anni. Nei primi anni non avevamo la ricchezza di materiali didattici che abbiamo ora e mescolavamo le età in classe. Oggi siamo più precisi. Questo bambino era ciò che oggi potremmo chiamare iperattivo e passava tutto il tempo girando per la classe e facendo rumori come un aereo. Quando insegnavo una nuova idea, lui si fermava, l’aereo sembrava atterrare e lui si sedeva ipnotizzato ad assorbire tutto. Quando finivo di insegnare i nuovi materiali, si alzava e tornava a volare per la classe. Sapeva quali erano i nuovi materiali, era assolutamente chiaro.

La “spiral learning” è un metodo molto migliore del metodo di padronanza. Quando insegni il metodo di padronanza, anche se lo fai attraverso attività diverse e piacevoli, il materiale non è nuovo e questo non stimola i bambini come fa l’informazione nuova. I bambini vogliono imparare nuove idee. Si sentono a loro agio nell’idea di non dover padroneggiare completamente tutte le informazioni fin dall’inizio. Non sentono la necessità di conoscere completamente le informazioni prima di continuare e imparare qualcos’altro. Con la “spiral learning”, quando gli studenti ritornano alle informazioni il mese o l’anno successivo, le apprenderanno in un contesto nuovo e diverso. Impareranno sfumature diverse del concetto e acquisiranno una comprensione ancora più profonda della lingua.

Ad esempio, cos’è la parola “treno”? Per un bambino piccolo, la parola si riferisce semplicemente a un “treno chuchu”, ma crescendo e imparando, la parola assume significati aggiuntivi e potrebbe venire in mente la lunga scia di un abito da sposa, una “scia da abito da sposa”. La parola “treno” può anche essere usata come verbo, per insegnare o “addestrare” qualcuno. C’è anche il concetto di un “filo del pensiero” e così via… Quindi, con ogni stadio di sviluppo, quando il bambino impara la parola “treno” in un contesto diverso, capisce che il significato può avere molte sfumature diverse.

Se la “spiral learning” è un modo naturale di apprendere, perché il metodo di padronanza viene ancora così tanto utilizzato?

La verità è che alcuni insegnanti e genitori preferiscono il metodo di padronanza. Credono che il modo giusto sia insegnare al bambino finché non conosce completamente ciò che viene insegnato e lo insegneranno ancora e ancora attraverso diverse attività e approcci diversi, ma non passeranno avanti finché non lo conoscono. La realtà è che il bambino non ricorderà tutto ciò che è stato insegnato e spesso dimenticherà gran parte di ciò che ha imparato quando le informazioni vengono infilate in lui.

In realtà, il metodo di padronanza può essere un modo più soddisfacente di insegnare, è molto più facile. Con il metodo di “spiral learning”, devi davvero pianificare il tuo curriculum e devi sapere dove stai andando e pianificare in anticipo le diverse fasi in cui un’idea viene introdotta. Molti insegnanti non hanno curriculum così ben pianificati. Quando i bambini iniziano a imparare con il programma Helen Doron, sappiamo cosa impareranno a 3 mesi, la settimana dopo, il mese dopo, a un anno, a cinque anni e persino a 15 anni. Abbiamo un curriculum molto solido basato sulla “spiral learning”. Ho lavorato con esperti dell’educazione e dello sviluppo infantile per creare un curriculum scientifico e studiato. La bellezza è che i bambini non conoscono le tecnicità, si stanno solo divertendo imparando. Quindi, anche se insegnare in questo modo è più impegnativo a causa del pensiero e della pianificazione necessari, credo che questo modo naturale di apprendere sia più soddisfacente. Considera che l’apprendimento naturale è divertente, coinvolgente ed è un antidoto alla noia.

C’è una vecchia storia in cui l’insegnante esce dalla classe ed entra nella sala degli insegnanti. Quando un altro insegnante gli chiede cosa ha imparato la sua classe oggi, lui risponde: “So cosa ho insegnato loro, ma non so cosa hanno imparato loro.” È triste, ma è così che l’educazione è insegnata in tutto il mondo. È obsoleto, ma i genitori iscriveranno i loro figli a questo tipo di classe perché è così che hanno imparato e nella loro mente, questo è il modo corretto. Non è logico per la mente del bambino, anche se lo è per i genitori. Il bambino non ne gioirà e il genitore potrebbe non riconoscere che non è così che un bambino impara naturalmente. Devono abituarsi all’idea che il bambino imparerà e tratterrà le informazioni. La mente dei bambini piccoli deve essere libera di crescere e svilupparsi con fiducia e senza preoccuparsi di quanto sanno esattamente, ma gioendo del processo di apprendimento stesso.