1253 Views

Tempo di lettura: 4 minuti

Quali corsi di inglese per bambini funzionano?

corsi di inglese per bambini

Decidere di iscrivere i propri figli a corsi di inglese per bambini è una scelta importante, un investimento per il loro futuro.

Come valutare la proposta migliore, tra le tante a disposizione? Nell’articolo, i nostri consigli per non sbagliare.

Corsi di inglese per bambini: i fattori che incidono sull’efficacia

I genitori che scelgono di iscrivere i figli a un corso di inglese extrascolastico ne riconoscono le enormi opportunità e i benefici per il loro futuro.

Oggi, l’inglese è tra le lingue più diffuse al mondo, quella della tecnologia, dei videogiochi e dell’online: conoscerla a fondo – in forma scritta e parlata – permette di aprire molte porte lavorative non.

Proprio per questo, le opzioni a disposizione sono diverse e può essere complicato capire come riconoscere la scuola più valida.

Ecco gli aspetti da valutare.

Di seguito, analizzeremo ogni punto. Puoi cliccare sul link per leggere subito il paragrafo di tuo interesse.

New call-to-action

Prima di procedere con la lettura, ti consigliamo di guardare questo breve video che introduce la correlazione tra l’imparare una lingua e lo sviluppo del cervello.

Corsi di inglese per bambini di tutte le età, anche neonati

Una scuola di inglese che prevede corsi per bimbi molto piccoli è di certo all’avanguardia. Spesso, si pensa che il cervello dei neonati sia ancora poco sviluppato per apprendere una nuova lingua: niente di più sbagliato!

Diversi studi dimostrano che le connessioni neurali iniziano a svilupparsi prima dell’anno di età e diventano più forti e numerose con la crescita. Fino agli 11 anni, queste connessioni rimangono dense, per poi diminuire gradualmente.

I primi anni di vita sono quindi i migliori per favorire l’apprendimento di una lingua.

Iniziando già da neonati, si ha l’ulteriore vantaggio di crescere bilingue. Se i genitori non lo sono, i corsi di inglese per bambini ben strutturati permettono di dare i giusti stimoli.

Da 0 a 3 anni, i piccoli assorbono in modo rapido e naturale suoni e parole nuove, senza percepire la pressione di un’attività scolastica e soprattutto senza fatica. Così facendo, quando inizieranno a parlare, sapranno comunicare in entrambi gli idiomi senza difficoltà.

Modalità di insegnamento variegate

Svolgendosi dopo le normali lezioni, un corso extrascolastico non può prevedere una classe con l’insegnante che spiega e traduce, mentre gli alunni ascoltano. In questo caso, sarebbe percepito come qualcosa di noioso e poco stimolante.

Ci sono tante attività che favoriscono l’apprendimento in modo molto più efficace: canzoni in inglese, giochi, video, cartoni animati, filastrocche, disegni e colori sono solo alcuni esempi.

Quando strutturate e adattate alle diverse fasce d’età, permettono di imparare la lingua in modo divertente e per nulla faticoso.

corsi di inglese per bambini

Inoltre, possono essere eseguite anche a casa, per favorire ancora di più l’assimilazione di nuove parole e suoni.

Il coinvolgimento dei genitori dovrebbe essere parte integrante del percorso, in modo da rendere ogni momento della vita quotidiana uno spunto di apprendimento.

Insegnanti qualificati e aggiornati

La preparazione degli insegnanti è un aspetto fondamentale da valutare. Infatti, dalla loro capacità ed empatia dipende il successo del corso.

Uno dei dubbi più frequenti riguarda la scelta di insegnanti madrelingua. Bisogna considerare che essere madrelingua non significa avere le competenze per insegnare. Ciò che conta è il metodo utilizzato: se è comprovato e strutturato, l’essere madrelingua non fa differenza.

Al contrario, bisogna valutare il percorso formativo svolto dagli insegnanti e capire se compiono aggiornamenti in modo periodico, con relativa certificazione.

Uno dei punti spesso sottovalutati è l’utilizzo del rinforzo positivo durante le lezioni.

Il formatore non deve sgridare chi commette un errore, ma incoraggiarlo a riprovare e a comprendere lo sbaglio. In questo modo, il bambino non si sentirà scoraggiato o frustrato, sentimenti che possono minare l’efficacia del corso.

Anche i materiali utilizzati nella lezione devono essere pensati e sviluppati da pedagogisti e linguisti esperti, in grado di comprendere le esigenze delle diverse fasce d’età.

Valori che vanno oltre all’apprendimento della lingua

Oltre a insegnare l’inglese, un corso valido dovrebbe promuovere e diffondere valori importanti per diventare adulti consapevoli e cittadini responsabili.

L’accettazione delle differenze, il rispetto dell’ambiente e delle altre persone, l’educazione, la salute e uno stile di vita sano sono alcuni esempi di ciò che si può trasmettere in un corso di inglese per bambini.

Ecco un esempio di video educativo che può essere usato durante le lezioni:

Puoi trovarne molti altri all’interno del canale YouTube di Helen Doron English.

Testimonianze di genitori e figli

Un corso di inglese valido dà la possibilità di:

  • ottenere risultati migliori a scuola o all’università
  • avere maggiori soddisfazioni economiche e lavorative
  • costruire relazioni con persone di culture diverse
  • essere empatici e aperti al confronto
  • mantenere la concentrazione più a lungo
  • migliorare la capacità di problem solving

Una buona idea può essere quella di chiedere ad altri genitori se hanno notato cambiamenti positivi nei propri figli oppure domandare ai partecipanti stessi se il corso ha avuto effetti benefici.

Le esperienze sono la variabile per capire se la scelta del percorso formativo sia azzeccata.


I corsi Helen Doron sono pensati e strutturati secondo un metodo scientifico certificato e validato in 35 anni di esperienza.

Un approccio molto diverso da quello tradizionale, che permette a bambini e ragazzi di imparare l’inglese in modo naturale, divertendosi, a qualsiasi età.

Vuoi saperne di più? Prenota una lezione dimostrativa gratuita.

Come genitore potrai scoprire in prima persona il nostro metodo, in aula o online!

New call-to-action
[Heateor-SC]
1254 Views

Quali corsi di inglese per bambini funzionano?

corsi di inglese per bambini

Decidere di iscrivere i propri figli a corsi di inglese per bambini è una scelta importante, un investimento per il loro futuro.

Come valutare la proposta migliore, tra le tante a disposizione? Nell’articolo, i nostri consigli per non sbagliare.

Corsi di inglese per bambini: i fattori che incidono sull’efficacia

I genitori che scelgono di iscrivere i figli a un corso di inglese extrascolastico ne riconoscono le enormi opportunità e i benefici per il loro futuro.

Oggi, l’inglese è tra le lingue più diffuse al mondo, quella della tecnologia, dei videogiochi e dell’online: conoscerla a fondo – in forma scritta e parlata – permette di aprire molte porte lavorative non.

Proprio per questo, le opzioni a disposizione sono diverse e può essere complicato capire come riconoscere la scuola più valida.

Ecco gli aspetti da valutare.

Di seguito, analizzeremo ogni punto. Puoi cliccare sul link per leggere subito il paragrafo di tuo interesse.

New call-to-action

Prima di procedere con la lettura, ti consigliamo di guardare questo breve video che introduce la correlazione tra l’imparare una lingua e lo sviluppo del cervello.

Corsi di inglese per bambini di tutte le età, anche neonati

Una scuola di inglese che prevede corsi per bimbi molto piccoli è di certo all’avanguardia. Spesso, si pensa che il cervello dei neonati sia ancora poco sviluppato per apprendere una nuova lingua: niente di più sbagliato!

Diversi studi dimostrano che le connessioni neurali iniziano a svilupparsi prima dell’anno di età e diventano più forti e numerose con la crescita. Fino agli 11 anni, queste connessioni rimangono dense, per poi diminuire gradualmente.

I primi anni di vita sono quindi i migliori per favorire l’apprendimento di una lingua.

Iniziando già da neonati, si ha l’ulteriore vantaggio di crescere bilingue. Se i genitori non lo sono, i corsi di inglese per bambini ben strutturati permettono di dare i giusti stimoli.

Da 0 a 3 anni, i piccoli assorbono in modo rapido e naturale suoni e parole nuove, senza percepire la pressione di un’attività scolastica e soprattutto senza fatica. Così facendo, quando inizieranno a parlare, sapranno comunicare in entrambi gli idiomi senza difficoltà.

Modalità di insegnamento variegate

Svolgendosi dopo le normali lezioni, un corso extrascolastico non può prevedere una classe con l’insegnante che spiega e traduce, mentre gli alunni ascoltano. In questo caso, sarebbe percepito come qualcosa di noioso e poco stimolante.

Ci sono tante attività che favoriscono l’apprendimento in modo molto più efficace: canzoni in inglese, giochi, video, cartoni animati, filastrocche, disegni e colori sono solo alcuni esempi.

Quando strutturate e adattate alle diverse fasce d’età, permettono di imparare la lingua in modo divertente e per nulla faticoso.

corsi di inglese per bambini

Inoltre, possono essere eseguite anche a casa, per favorire ancora di più l’assimilazione di nuove parole e suoni.

Il coinvolgimento dei genitori dovrebbe essere parte integrante del percorso, in modo da rendere ogni momento della vita quotidiana uno spunto di apprendimento.

Insegnanti qualificati e aggiornati

La preparazione degli insegnanti è un aspetto fondamentale da valutare. Infatti, dalla loro capacità ed empatia dipende il successo del corso.

Uno dei dubbi più frequenti riguarda la scelta di insegnanti madrelingua. Bisogna considerare che essere madrelingua non significa avere le competenze per insegnare. Ciò che conta è il metodo utilizzato: se è comprovato e strutturato, l’essere madrelingua non fa differenza.

Al contrario, bisogna valutare il percorso formativo svolto dagli insegnanti e capire se compiono aggiornamenti in modo periodico, con relativa certificazione.

Uno dei punti spesso sottovalutati è l’utilizzo del rinforzo positivo durante le lezioni.

Il formatore non deve sgridare chi commette un errore, ma incoraggiarlo a riprovare e a comprendere lo sbaglio. In questo modo, il bambino non si sentirà scoraggiato o frustrato, sentimenti che possono minare l’efficacia del corso.

Anche i materiali utilizzati nella lezione devono essere pensati e sviluppati da pedagogisti e linguisti esperti, in grado di comprendere le esigenze delle diverse fasce d’età.

Valori che vanno oltre all’apprendimento della lingua

Oltre a insegnare l’inglese, un corso valido dovrebbe promuovere e diffondere valori importanti per diventare adulti consapevoli e cittadini responsabili.

L’accettazione delle differenze, il rispetto dell’ambiente e delle altre persone, l’educazione, la salute e uno stile di vita sano sono alcuni esempi di ciò che si può trasmettere in un corso di inglese per bambini.

Ecco un esempio di video educativo che può essere usato durante le lezioni:

Puoi trovarne molti altri all’interno del canale YouTube di Helen Doron English.

Testimonianze di genitori e figli

Un corso di inglese valido dà la possibilità di:

  • ottenere risultati migliori a scuola o all’università
  • avere maggiori soddisfazioni economiche e lavorative
  • costruire relazioni con persone di culture diverse
  • essere empatici e aperti al confronto
  • mantenere la concentrazione più a lungo
  • migliorare la capacità di problem solving

Una buona idea può essere quella di chiedere ad altri genitori se hanno notato cambiamenti positivi nei propri figli oppure domandare ai partecipanti stessi se il corso ha avuto effetti benefici.

Le esperienze sono la variabile per capire se la scelta del percorso formativo sia azzeccata.


I corsi Helen Doron sono pensati e strutturati secondo un metodo scientifico certificato e validato in 35 anni di esperienza.

Un approccio molto diverso da quello tradizionale, che permette a bambini e ragazzi di imparare l’inglese in modo naturale, divertendosi, a qualsiasi età.

Vuoi saperne di più? Prenota una lezione dimostrativa gratuita.

Come genitore potrai scoprire in prima persona il nostro metodo, in aula o online!

New call-to-action