I consigli per favorire il bilinguismo a casa e a scuola

624 Views

Tempo di lettura: 3 minuti

bilinguismo

Il bilinguismo è un processo naturale che coinvolge i bimbi esposti a due o più lingue fin da quando sono neonati. Molto spesso, si crede che due genitori monolingue non possano favorire questo sviluppo: in realtà, come vedremo nell’articolo di oggi è questione di offrire gli strumenti giusti.

Bilinguismo: in che modo si genera?

Crescere bilingue è più facile quando i genitori parlano ed espongono un neonato a due (o più) lingue diverse: questa è senza dubbio la modalità più assodata per riconoscere e imparare più linguaggi.

E nel caso di un ambiente monolingua? Bisogna rassegnarsi di fronte al fatto che un neonato non può crescere bilingue? Assolutamente no, perché il bilinguismo si genera a partire dagli strumenti a disposizione, non dalle condizioni.

Due genitori bilingue potrebbero favorire una lingua rispetto a un’altra e questo non promuoverebbe una crescita bilingue equilibrata; allo stesso modo, due genitori monolingue potrebbero lasciare molto spazio a una lingua diversa dalla propria, offrendo così un ambiente molto ricco e stimolante.

New call-to-action

È importante porre il focus sulla caratteristica naturale del bilinguismo. Ascoltare una seconda lingua tutti i giorni, creando occasioni di interazione quotidiane, permette di assorbirla senza sforzi, incrementando così proprietà di linguaggio e abilità lessicali. Ora che abbiamo analizzato i presupposti per crescere il proprio figlio bilingue, vediamo come favorire questo processo a casa e a scuola.

Bilinguismo a casa e a scuola: un obiettivo possibile

Il primo aspetto da ricordare è che il bilinguismo naturale si genera quando si espongono i bimbi a due lingue fin dai primi mesi di vita. Dagli 0 ai 3 anni si parla di finestra di opportunità, un periodo in cui cogliere i benefici dal punto di vista delle funzioni cognitive. In questo range, l’attività celebrale è molto alta e si assiste a uno sviluppo intenso della rete neuronale: la naturale conseguenza è la maggior produzione di connessioni che genera una risposta cognitiva migliore rispetto a qualunque altra età.

Dopo i 3 anni, il cervello raggiunge un equilibrio che permette, per qualche tempo, di mantenere inalterate le connessioni neuronali generate per poi lasciar esaurire quelle inutilizzate già dai 10 anni.

Ecco perché è essenziale creare fin dalle prime settimane di vita un ambiente arricchente e stimolante, che favorisca un assorbimento naturale, senza sforzi e stress. Ecco alcuni consigli pratici per non lasciarsi scappare l’opportunità di crescere il proprio figlio bilingue.

Giochi e cartoni animati

Per assimilare un linguaggio non è necessario parlarlo, infatti con i neonati si comunica in continuazione, senza aspettarsi un riscontro verbale. L’ascolto passivo è una forma di interazione molto importante per i più piccoli, perché permette loro di conoscere il mondo e assorbire le prime informazioni.

Il primo consiglio per crescere bimbi bilingue è quello di cogliere ogni occasione per creare un ambiente multilinguistico, non solo attraverso la parola.

Giochi, video e cartoni animati in lingua possono contribuire a rinforzare la proprietà di ascolto, prima, e di linguaggio poi. Questi strumenti supportano il bilinguismo nella misura in cui alle parole si possono associare le immagini, un veicolo chiave per comprendere il contesto.

bilinguismo

Canzoni

Si possono utilizzare già dai primi giorni di vita del bebè, per diverse ragioni: dalla ninna nanna alle coccole, fino al semplice momento di condivisione mamma-figlio. Le canzoni rappresentano un’ottima soluzione per familiarizzare con una nuova lingua, rendendo questo processo ancor più leggero e naturale.

Letture

Soprattutto nei primissimi anni, la lettura dei libri richiede il supporto dei genitori che hanno così l’opportunità di mettersi in gioco. È vero, la lingua inglese richiede attenzione alla pronuncia e comprensione del significato delle parole, ma si può sempre ricorrere all’aiuto di audiolibri.

Corsi di inglese

In parallelo a queste attività, si possono seguire corsi di inglese che offrano le basi e gli strumenti giusti per l’apprendimento linguistico. Molti genitori credono che partecipare a lezioni di inglese sia troppo impegnativo per i più piccoli. In realtà, i corsi studiati per bambini dagli 0 ai 3 anni sono studiati per rispettare le loro esigenze offrendo ciò di cui hanno bisogno:

  • ambiente stimolante
  • attività diverse
  • sviluppo sociale
  • interazione mamma-figlio

centri Helen Doron sono presenti in tutta Italia e offrono programmi specifici che mettono al centro le esigenze dei bambini dagli 0 anni.

Vuoi saperne di più? Prenota una lezione dimostrativa gratuita!

New call-to-action

625 Views
bilinguismo

Il bilinguismo è un processo naturale che coinvolge i bimbi esposti a due o più lingue fin da quando sono neonati. Molto spesso, si crede che due genitori monolingue non possano favorire questo sviluppo: in realtà, come vedremo nell’articolo di oggi è questione di offrire gli strumenti giusti.

Bilinguismo: in che modo si genera?

Crescere bilingue è più facile quando i genitori parlano ed espongono un neonato a due (o più) lingue diverse: questa è senza dubbio la modalità più assodata per riconoscere e imparare più linguaggi.

E nel caso di un ambiente monolingua? Bisogna rassegnarsi di fronte al fatto che un neonato non può crescere bilingue? Assolutamente no, perché il bilinguismo si genera a partire dagli strumenti a disposizione, non dalle condizioni.

Due genitori bilingue potrebbero favorire una lingua rispetto a un’altra e questo non promuoverebbe una crescita bilingue equilibrata; allo stesso modo, due genitori monolingue potrebbero lasciare molto spazio a una lingua diversa dalla propria, offrendo così un ambiente molto ricco e stimolante.

New call-to-action

È importante porre il focus sulla caratteristica naturale del bilinguismo. Ascoltare una seconda lingua tutti i giorni, creando occasioni di interazione quotidiane, permette di assorbirla senza sforzi, incrementando così proprietà di linguaggio e abilità lessicali. Ora che abbiamo analizzato i presupposti per crescere il proprio figlio bilingue, vediamo come favorire questo processo a casa e a scuola.

Bilinguismo a casa e a scuola: un obiettivo possibile

Il primo aspetto da ricordare è che il bilinguismo naturale si genera quando si espongono i bimbi a due lingue fin dai primi mesi di vita. Dagli 0 ai 3 anni si parla di finestra di opportunità, un periodo in cui cogliere i benefici dal punto di vista delle funzioni cognitive. In questo range, l’attività celebrale è molto alta e si assiste a uno sviluppo intenso della rete neuronale: la naturale conseguenza è la maggior produzione di connessioni che genera una risposta cognitiva migliore rispetto a qualunque altra età.

Dopo i 3 anni, il cervello raggiunge un equilibrio che permette, per qualche tempo, di mantenere inalterate le connessioni neuronali generate per poi lasciar esaurire quelle inutilizzate già dai 10 anni.

Ecco perché è essenziale creare fin dalle prime settimane di vita un ambiente arricchente e stimolante, che favorisca un assorbimento naturale, senza sforzi e stress. Ecco alcuni consigli pratici per non lasciarsi scappare l’opportunità di crescere il proprio figlio bilingue.

Giochi e cartoni animati

Per assimilare un linguaggio non è necessario parlarlo, infatti con i neonati si comunica in continuazione, senza aspettarsi un riscontro verbale. L’ascolto passivo è una forma di interazione molto importante per i più piccoli, perché permette loro di conoscere il mondo e assorbire le prime informazioni.

Il primo consiglio per crescere bimbi bilingue è quello di cogliere ogni occasione per creare un ambiente multilinguistico, non solo attraverso la parola.

Giochi, video e cartoni animati in lingua possono contribuire a rinforzare la proprietà di ascolto, prima, e di linguaggio poi. Questi strumenti supportano il bilinguismo nella misura in cui alle parole si possono associare le immagini, un veicolo chiave per comprendere il contesto.

bilinguismo

Canzoni

Si possono utilizzare già dai primi giorni di vita del bebè, per diverse ragioni: dalla ninna nanna alle coccole, fino al semplice momento di condivisione mamma-figlio. Le canzoni rappresentano un’ottima soluzione per familiarizzare con una nuova lingua, rendendo questo processo ancor più leggero e naturale.

Letture

Soprattutto nei primissimi anni, la lettura dei libri richiede il supporto dei genitori che hanno così l’opportunità di mettersi in gioco. È vero, la lingua inglese richiede attenzione alla pronuncia e comprensione del significato delle parole, ma si può sempre ricorrere all’aiuto di audiolibri.

Corsi di inglese

In parallelo a queste attività, si possono seguire corsi di inglese che offrano le basi e gli strumenti giusti per l’apprendimento linguistico. Molti genitori credono che partecipare a lezioni di inglese sia troppo impegnativo per i più piccoli. In realtà, i corsi studiati per bambini dagli 0 ai 3 anni sono studiati per rispettare le loro esigenze offrendo ciò di cui hanno bisogno:

  • ambiente stimolante
  • attività diverse
  • sviluppo sociale
  • interazione mamma-figlio

centri Helen Doron sono presenti in tutta Italia e offrono programmi specifici che mettono al centro le esigenze dei bambini dagli 0 anni.

Vuoi saperne di più? Prenota una lezione dimostrativa gratuita!

New call-to-action