Si può insegnare inglese ai bambini giocando?

5041 Views

Tempo di lettura: 5 minuti

insegnare inglese ai bambini giocando

Molti ricercatori hanno dimostrato che insegnare inglese ai bambini giocando non è solo possibile, ma è anche il modo più efficace. Il gioco è infatti la loro naturale forma di apprendimento, fin da neonati. Scopri di più nell’articolo di oggi!

Insegnare inglese ai bambini giocando: cosa si può fare in classe e a casa

Oltre alle lezioni in classe, un metodo di insegnamento efficace dovrebbe prevedere anche il coinvolgimento dei genitori a casa, che rappresentano un supporto costante e possono incoraggiare l’uso della lingua nelle attività quotidiane.

Sia in classe che a casa, l’apprendimento della lingua inglese non deve essere una percepito come una forzatura, ma come qualcosa di naturale e divertente.

Le attività ludiche sono una modalità da non sottovalutare. Vediamo perché e in che modo il gioco può essere integrato in un percorso di apprendimento.

New call-to-action

Giochi in inglese da fare in classe

Quando si decide di iscrivere i propri figli ad un corso di inglese per bambini, è necessaria fare un’attenta valutazione del metodo di insegnamento utilizzato.

Considerando che di norma si svolge dopo il normale orario scolastico, è fondamentale che le lezioni siano coinvolgenti, divertenti e interattive per suscitare l’entusiasmo dei bambini. Se questi ultimi si sentono annoiati e poco motivati, anche l’apprendimento sarà più lento e meno efficace.

I corsi più funzionali sono quelli che prevedono giochi e attività ludiche come parte integrante del percorso.

Durante il gioco, i bambini sono talmente assorbiti e convolti da dimenticarsi di essere lì per imparare e usano la lingua in modo spontaneo. Non hanno nemmeno il tempo per annoiarsi e riescono a trarre molto di più dalla lezione.

Di solito, i giochi in inglese si utilizzano per rompere il ghiaccio all’inizio di una lezione, come attività introduttiva per imparare nuove parole, oppure come esercizio finale per ricapitolare i concetti imparati.

Se si sceglie un corso di inglese ben strutturato e tenuto da insegnanti preparati e certificati, anche i materiali utilizzati e i giochi non saranno scelti in maniera casuale, ma selezionati secondo la fascia d’età degli studenti e in base alle loro esigenze.

insegnare inglese ai bambini giocando

Di seguito, alcuni esempi di giochi in inglese che spesso si integrano durante le lezioni.

  • Attività per migliorare l’ascolto e la pronuncia: si chiede a un giocatore di nascondere un oggetto e agli altri di cercarlo. Il primo dovrà dare indicazioni facili e brevi per aiutare i compagni a rintracciare l’oggetto nascosto, ad esempio “you’re very close”, “you’re going the wrong way”, “that’s better”.
  • Attività per la scrittura: si chiede ai bambini di guardare alcuni oggetti per 30 secondi; poi si nascondono e ognuno deve scrivere una lista di ciò che ha visto, in inglese. Chiedendo ai giocatori di ripetere le parole ad alta voce, si esercita anche la pronuncia!
  • Giochi per il vocabolario e la grammatica: si realizzano delle carte con diversi sostantivi, verbi e aggettivi scritti sopra. Ad esempio “my mum”, “my brother”, “walks”, “loves swimming”, “beautiful”, “tall”, e così via, per poi richiedere ai bambini di formulare frasi di senso compiuto utilizzando queste parole.

Altre attività possono includere la recita di brevi poesie, filastrocche o l’interpretazione di scenette divertenti con i partecipanti divisi in piccoli gruppi. Anche le canzoni in inglese sono un ottimo modo per apprendere la lingua.

È importante assicurarsi che il corso preveda lezioni formate da un numero ridotto di studenti, per avere la certezza che tutti siano coinvolti e seguiti durante ogni attività.

Attività divertenti da fare a casa

Come accennato in precedenza, è importante che i bambini si abituino ad assimilare suoni e parole nuove anche durante le attività quotidiane, insieme ai genitori.

L’aiuto di mamma e papà è imprescindibile per il successo del corso, come spiegato in questo video:

Ecco qualche idea per far divertire i piccoli anche a casa:

  • Acquistare libri in inglese ricchi di immagini e colori, adatti alle diverse età, dai più semplici ai più complessi. Per molti bambini, leggere e colorare sono attività rilassanti e piacevoli, oltre a essere utili per sviluppare non solo la lingua, ma anche fantasia e creatività.
  • La musica è uno strumento potente per assimilare parole e suoni in modo naturale. Basta esporre i propri figli all’ascolto di canzoni in inglese adatte a loro, per aiutarli a sviluppare il ritmo e la capacità di ascolto. Spronarli anche a ballare permette loro di diventare più flessibili e coordinati, oltre ad essere uno sfogo positivo.
    Nei canali YouTube Helen Doron Song Club e English for Teens puoi trovare canzoni in inglese per bambini e ragazzi! Inoltre, fino al 20 maggio, puoi partecipare alla celebrazione dei 35 anni di Helen Doron English e votare le tue 3 canzoni preferite: dai un’occhiata qui.
  • Anche i cartoni animati possono diventare un passatempo educativo, se selezionati nel modo corretto. Grazie alla loro brevità, alla presenza di personaggi ricorrenti e alla costante ripetizione di suoni e parole, sono mezzi efficaci per favorire l’apprendimento.
  • Esistono anche giochi interattivi utili e divertenti, che i bambini possono svolgere senza problemi a casa, durante il tempo libero. Kangi Club, ad esempio, è un portale creato per i bambini dai 2 agli 8 anni, dove possono trovare giochi interattivi di ogni tipo, per migliorare la comprensione, la lettura, la pronuncia e l’ascolto della lingua inglese.

Questi contenuti non possono essere scelti senza un criterio, ma vanno inseriti a supporto di un percorso formativo ben strutturato, seguendo i consigli degli insegnanti e basandosi sui materiali didattici forniti.


Imparare una nuova lingua non deve essere percepito come qualcosa di noioso, ma come un’attività stimolante e divertente. Insegnare inglese ai bambini giocando permette proprio di raggiungere questo obiettivo e di ottenere risultati sorprendenti.

Scegliere il percorso di apprendimento giusto per i propri figli è fondamentale per il loro futuro scolastico, lavorativo, ma anche personale.

Il metodo Helen Doron è nato proprio per dare a bambini e ragazzi la possibilità di imparare l’inglese in modo approfondito, attraverso corsi personalizzati in base alle età dei partecipanti e con materiali didattici creati in esclusiva.

Se vuoi approfondire e vedere in prima persona in che modo questo approccio si differenzia rispetto agli altri, prenota una lezione dimostrativa gratuita, anche online!

5042 Views
insegnare inglese ai bambini giocando

Molti ricercatori hanno dimostrato che insegnare inglese ai bambini giocando non è solo possibile, ma è anche il modo più efficace. Il gioco è infatti la loro naturale forma di apprendimento, fin da neonati. Scopri di più nell’articolo di oggi!

Insegnare inglese ai bambini giocando: cosa si può fare in classe e a casa

Oltre alle lezioni in classe, un metodo di insegnamento efficace dovrebbe prevedere anche il coinvolgimento dei genitori a casa, che rappresentano un supporto costante e possono incoraggiare l’uso della lingua nelle attività quotidiane.

Sia in classe che a casa, l’apprendimento della lingua inglese non deve essere una percepito come una forzatura, ma come qualcosa di naturale e divertente.

Le attività ludiche sono una modalità da non sottovalutare. Vediamo perché e in che modo il gioco può essere integrato in un percorso di apprendimento.

New call-to-action

Giochi in inglese da fare in classe

Quando si decide di iscrivere i propri figli ad un corso di inglese per bambini, è necessaria fare un’attenta valutazione del metodo di insegnamento utilizzato.

Considerando che di norma si svolge dopo il normale orario scolastico, è fondamentale che le lezioni siano coinvolgenti, divertenti e interattive per suscitare l’entusiasmo dei bambini. Se questi ultimi si sentono annoiati e poco motivati, anche l’apprendimento sarà più lento e meno efficace.

I corsi più funzionali sono quelli che prevedono giochi e attività ludiche come parte integrante del percorso.

Durante il gioco, i bambini sono talmente assorbiti e convolti da dimenticarsi di essere lì per imparare e usano la lingua in modo spontaneo. Non hanno nemmeno il tempo per annoiarsi e riescono a trarre molto di più dalla lezione.

Di solito, i giochi in inglese si utilizzano per rompere il ghiaccio all’inizio di una lezione, come attività introduttiva per imparare nuove parole, oppure come esercizio finale per ricapitolare i concetti imparati.

Se si sceglie un corso di inglese ben strutturato e tenuto da insegnanti preparati e certificati, anche i materiali utilizzati e i giochi non saranno scelti in maniera casuale, ma selezionati secondo la fascia d’età degli studenti e in base alle loro esigenze.

insegnare inglese ai bambini giocando

Di seguito, alcuni esempi di giochi in inglese che spesso si integrano durante le lezioni.

  • Attività per migliorare l’ascolto e la pronuncia: si chiede a un giocatore di nascondere un oggetto e agli altri di cercarlo. Il primo dovrà dare indicazioni facili e brevi per aiutare i compagni a rintracciare l’oggetto nascosto, ad esempio “you’re very close”, “you’re going the wrong way”, “that’s better”.
  • Attività per la scrittura: si chiede ai bambini di guardare alcuni oggetti per 30 secondi; poi si nascondono e ognuno deve scrivere una lista di ciò che ha visto, in inglese. Chiedendo ai giocatori di ripetere le parole ad alta voce, si esercita anche la pronuncia!
  • Giochi per il vocabolario e la grammatica: si realizzano delle carte con diversi sostantivi, verbi e aggettivi scritti sopra. Ad esempio “my mum”, “my brother”, “walks”, “loves swimming”, “beautiful”, “tall”, e così via, per poi richiedere ai bambini di formulare frasi di senso compiuto utilizzando queste parole.

Altre attività possono includere la recita di brevi poesie, filastrocche o l’interpretazione di scenette divertenti con i partecipanti divisi in piccoli gruppi. Anche le canzoni in inglese sono un ottimo modo per apprendere la lingua.

È importante assicurarsi che il corso preveda lezioni formate da un numero ridotto di studenti, per avere la certezza che tutti siano coinvolti e seguiti durante ogni attività.

Attività divertenti da fare a casa

Come accennato in precedenza, è importante che i bambini si abituino ad assimilare suoni e parole nuove anche durante le attività quotidiane, insieme ai genitori.

L’aiuto di mamma e papà è imprescindibile per il successo del corso, come spiegato in questo video:

Ecco qualche idea per far divertire i piccoli anche a casa:

  • Acquistare libri in inglese ricchi di immagini e colori, adatti alle diverse età, dai più semplici ai più complessi. Per molti bambini, leggere e colorare sono attività rilassanti e piacevoli, oltre a essere utili per sviluppare non solo la lingua, ma anche fantasia e creatività.
  • La musica è uno strumento potente per assimilare parole e suoni in modo naturale. Basta esporre i propri figli all’ascolto di canzoni in inglese adatte a loro, per aiutarli a sviluppare il ritmo e la capacità di ascolto. Spronarli anche a ballare permette loro di diventare più flessibili e coordinati, oltre ad essere uno sfogo positivo.
    Nei canali YouTube Helen Doron Song Club e English for Teens puoi trovare canzoni in inglese per bambini e ragazzi! Inoltre, fino al 20 maggio, puoi partecipare alla celebrazione dei 35 anni di Helen Doron English e votare le tue 3 canzoni preferite: dai un’occhiata qui.
  • Anche i cartoni animati possono diventare un passatempo educativo, se selezionati nel modo corretto. Grazie alla loro brevità, alla presenza di personaggi ricorrenti e alla costante ripetizione di suoni e parole, sono mezzi efficaci per favorire l’apprendimento.
  • Esistono anche giochi interattivi utili e divertenti, che i bambini possono svolgere senza problemi a casa, durante il tempo libero. Kangi Club, ad esempio, è un portale creato per i bambini dai 2 agli 8 anni, dove possono trovare giochi interattivi di ogni tipo, per migliorare la comprensione, la lettura, la pronuncia e l’ascolto della lingua inglese.

Questi contenuti non possono essere scelti senza un criterio, ma vanno inseriti a supporto di un percorso formativo ben strutturato, seguendo i consigli degli insegnanti e basandosi sui materiali didattici forniti.


Imparare una nuova lingua non deve essere percepito come qualcosa di noioso, ma come un’attività stimolante e divertente. Insegnare inglese ai bambini giocando permette proprio di raggiungere questo obiettivo e di ottenere risultati sorprendenti.

Scegliere il percorso di apprendimento giusto per i propri figli è fondamentale per il loro futuro scolastico, lavorativo, ma anche personale.

Il metodo Helen Doron è nato proprio per dare a bambini e ragazzi la possibilità di imparare l’inglese in modo approfondito, attraverso corsi personalizzati in base alle età dei partecipanti e con materiali didattici creati in esclusiva.

Se vuoi approfondire e vedere in prima persona in che modo questo approccio si differenzia rispetto agli altri, prenota una lezione dimostrativa gratuita, anche online!